Venerdì 23 Ottobre 2020

Acqui Terme

Tari, ultima rata una stangata?

La lamentela dei cittadini, esplosa sui social network, ha condiviso esperienze di conferitori diversi.

Tari, ultima rata una stangata?

ACQUI TERME - In questi giorni gli acquesi sono stati raggiunti dalle invise cartelle verdi relative all’ultima rata/saldo della Tassa sui rifiuti. All’apertura delle buste la sorpresa di un aumento inaspettato (rectius temuto). La lamentela dei cittadini, esplosa sui social network, ha condiviso esperienze di conferitori diversi. «Abbiamo adattato i cestini degli uffici differenziando i tre materiali – ha raccontato un professionista – Nel 2018 abbiamo effettuato 4/5 svuotamenti con bidoni da 120 litri al mese. Nel 2019 uno a settimana per plastica e carta (non si paga a svuotamento), 11 in tutto l’anno per indifferenziato. Non si può impazzire dietro la corretta differenziata e poi pagare il 40% in più». Eppure all’origine dell’avventura ‘porta a porta’ era stata lumeggiata, a scopo incentivante, una maggiore equità tariffaria: ‘si pagherà proporzionalmente a quanto realmente conferito’ dicevano. Oggi vox populi lamenta l’ingiustizia di dover sostenere i costi dell’acquisto di bidoni e mezzi nuovi di Econet e una domanda è divenuta ragionevole: «Cosa ci fa il Comune con carta, plastica e vetro differenziati correttamente? Li vende? Li regala?».  

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

Superbonus

Poste, da lunedì il servizio di cessione del credito

16 Ottobre 2020 ore 17:51
.