Giovedì 06 Ottobre 2022

Ovada

Acqui - Genova: "Sui disagi intervenga la Regione"

Dura lettera dell'associazione pendolari supportata da otto comuni a Cavallo tra Piemonte e Liguria

17 Agosto 2022 ore 08:44

Acqui - Genova: "Sui disagi intervenga la Regione"

OVADA -  Era prevedibile finisse in questo modo. Le proteste dei pendolari degli ultimi giorni si sono trasformate in una lettera ufficiale inviata all'assessorato ai Trasporti della Regione Liguria e alla Direzione del relativo settore. E la firma in questo caso è pesante. Oltre al Comitato Trasporti Valli Orba e Stura ci sono otto comuni a cavallo del confine tra Piemonte e Liguria: Acqui Terme e Ovada, Visone, Prasco, Morbello, Cassinelle, Tagliolo, Molare, Rossiglione, Campo Ligure, Masone e Tiglieto.

Acqui-Genova, pendolari: «Un disastro la prima settimana con i bus»

Le lamentele sono approdate anche in Consiglio Regionale a Genova

Le lamentele sono facilmente intuibili: gli orari dei servizio sostitutivo che ricalcano quelli di partenza dei treni pur con tempi di percorrenza più dilatati, i problemi di chiusura dell'A26 che lo scorso 8 agosto si sono tradotti nell'impossibilità di effettuare alcune corse, la non perfetta coincidenza con l'arrivo dei treni a Campo Ligure e la partenza dei bus (oppure viceversa) con la conseguenza di passeggeri abbandonati di fronte alle stazioni, le difficoltà di autisti impreparati a seguire i percorsi indicati e a osservare le fermate prescritte.

Acqui-Genova, pendolari: «Un disastro la prima settimana con i bus»

Le lamentele sono approdate anche in Consiglio Regionale a Genova

E ancora, argomento caro al fronte ligure, il totale isolamento delle stazioni tra Mele e Borzoli. Una situazione che si trascina da quasi dieci anni tutti gli anni. Il servizio con i bus sarà in vigore fino al prossimo 4 settembre. Su tutti questi aspetti enti locali e pendolari chiedono un pronto intervento della Regione.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

.