Sabato 24 Ottobre 2020

Acqui Terme

'Scandalo' Protezione civile: "salta" l'assessore Giannetto?

Il Partito Democratico durissimo sulla questione piscina del Golf: «Non si capisce chi governa cosa»

'Scandalo' Protezione civile: "salta" l'assessore Giannetto?

Nella foto Maurizio Giannetto

ACQUI TERME - Il Partito Democratico di Acqui Terme, per voce del consigliere comunale Carlo De Lorenzi, interviene sulla questione Golf e Protezione civile. «Dalla stampa capiamo che un dirigente (tra l’altro non quella competente relativamente ai rapporti con Protezione Civile) ha dato le chiavi dell'impianto il 7 luglio alla Protezione Civile per fare un lavoro che dubitiamo sia di competenza della stessa e che sarebbe dovuto durare al massimo due o tre giorni - l'analisi -  poi si accorge il 6 agosto che non erano state restituite. Ma in questo mese nessuno del Comune è andato a vedere? E se sono andati e non c‘era nulla di particolare, allora davvero i volontari della Protezione Civile hanno fatto un bagno, e questo non ci pare un problema assoluto tale da mobilitare stampa, giornali e rischiare rescissioni della Convenzione».

A quanto si sussurra lo 'scandalo' sarebbe stato colto al balzo per regolare dei conti all'interno della compagine pentastellata e, per volontà del sindaco e vicini, sostituire l'assessore Maurizio Giannetto con qualcuno più 'caro', si vocifera  il consigliere comunale Giovanni Pietro Rolando. Domani, giovedì 20, il Meetup del Movimento 5 Stelle acquese è stato convocato per sancire la sostituzione del tecnico. E qualche dissapore serpeggia: decisione verticistica che la base dovrebbe avallare tout court.

A prescindere da tutto il Pd segnala la cosa reputata davvero scandalosa. «A quanto pare non ci voleva molto a rendere praticabile la piscina e l’intera area del Golf - ha lamentato De Lorenzi, richiamando la proposta di aprirlo alla cittadinanza presentata settimane fa - È un scandalo che in questa estate il parco sia rimasto chiuso al pubblico (eppure l'erba è stata tagliata a maggio) e che non sia pensato di dar in gestione la piscina. Non ci vengano a raccontare balle sul fatto che era in corso l'assegnazione, tramite bando dato che bastava dire , nel bando stesso, che le chiavi sarebbero state consegnate per dire il 10 settembre. E in ogni caso ad oggi siamo stati talmente bravi da non riuscire neanche a concluderlo questo bando nonostante tre soggetti interessati».

Infine un paragone con le Terme: «Davvero il sindaco Lucchini si è comportato peggio della famiglia Pater negando alla cittadinanza l’uso di un parco di 12 ettari e di una piscina - ha puntato il dito il piddino - Di questo la Giunta deve rendere conto. Deve spiegare per bene perché Acqui abbia passato una estate da schifo senza parchi utilizzabili (anche per ciclabile il bando per il ripristino è stato fatto con colpevole ritardo). Poi certo la vicenda Protezione Civle/Piscina Golf è stata gestita in modo non degno di una città di ventimila abitanti. Non si capisce bene chi diriga cosa e chi controlla chi. E' questa la cosa più grave per ora, poi vediamo gli sviluppi».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

La tragedia

“I Vincenti responsabili”. Il Gup: imprudente...

20 Ottobre 2020 ore 18:25
novi ligure

Villa Minetta, va deserta l'asta: nessuno la vuole

22 Ottobre 2020 ore 08:15
.