Domenica 01 Agosto 2021

Economia

Il futuro dei vini piemontesi: «Incerto, ma restiamo ottimisti»

«Tutti i produttori sono fortemente danneggiati» spiega Erika Abate, export manager della casa vinicola Enrico Serafino

Il futuro dei vini piemontesi: «Incerto, ma restiamo ottimisti»

ACQUI TERME - Il coronavirus e i decreti per contenerlo hanno imposto alle etichette di vino italiano limiti incompatibili con il precedente apparato di distribuzione. «Tutti i produttori che vendono nel settore alberghiero e della ristorazione (il cosiddetto Horeca) sono fortemente danneggiati - spiega Erika Abate, export manager della casa vinicola Enrico Serafino - Sicuramente ci sarà un’impennata delle vendite online e nei supermercati dove in questo periodo stanno acquistando i consumatori».

C’è poi chi vende all’estero, come i tanti produttori piemontesi che ricavano qui più del 50% del fatturato. «La circostanza di vendere in mercati diversificati, alcuni ancora aperti al turismo come ad esempio Stati Uniti e Regno Unito, fa sì che la crisi in questi paesi sia al momento scongiurata - continua l’intervistata - Però, in visione di una futuribile chiusura dei mercati, gli importatori stanno chiedendo maggiori quantità per fare magazzino. Il futuro è incerto». 

Peccato, perché il momento era propizio. I dazi americani avevano dato respiro ai vini italiani e i produttori stavano prendendo vantaggio su francesi e spagnoli. «Enrico Serafino, altri produttori e la Federvini sono contrari alla decisione di spostare a giugno il Vinitaly – prosegue la Abate - È un danno alla ristorazione italiana, impegnata in quel periodo a vendere invece di ‘andare in fiera’. E poi le temperature sarebbero improponibili per bere Barolo e Barbaresco. Infine molti buyer (per la mia esperienza, americani e canadesi) hanno già confermato che non parteciperanno».

Lo sguardo al futuro è comunque ottimista. «Sono convinta che appena usciti dall’emergenza si ripartirà con grande entusiasmo. Noi del settore vinicolo non molliamo, continuiamo a seguire i clienti e ad alimentare la loro voglia di Italia. Il metodo di vendita piemontese è quello di stringere rapporti personali, amicizie e far sentire importatori ed acquirenti facenti parte di una grande famiglia. E, si sa, nei momenti di difficoltà la famiglia italiana non abbandona nessuno».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Strevi

Trattore si ribalta in vigna,
muore 54enne

28 Luglio 2021 ore 09:52
Il bollettino

Coronavirus: oggi in provincia
20 nuovi positivi

23 Luglio 2021 ore 17:01
.