Lunedì 19 Agosto 2019

Politica

Avim e la ricetta di Scovazzi

Avim e la ricetta di Scovazzi

L’Avim è una srl a capitale totalmente pubblico. Fu costituita nel 2008 dal comune per cartolarizzare alcuni beni comunali. Oggi l’esposizione debitoria è da dissesto: debito per più di 3.600.000 euro, patrimonio immobiliare per solo 1.700.000 euro.

«Un quadro che non è solo frutto di una crisi immobiliare nazionale ma anche da una sovrastima dei beni – hanno spiegato i tecnici di Palazzo Levi – questo ha sovraesposto la società verso le banche e complicata l’alienazione degli immobili».

L’amministrazione comunale pentastellata ha pensato ad un piano di risanamento stragiudiziale frutto di un accordo con i creditori. L’idea ha incassato il placet del Consiglio comunale. Termine dell’affare: 31 dicembre 2019.

«Penso che l’Avim faccia parte di quei problemi trascurati e ignorati per troppo tempo – ha dichiarato l’assessore al Bilancio Mario Scovazzi – un’operazione indecente, che ha arrecato un danno alla città. Fu costituita in maniera frettolosa per coprire debiti che non potevano essere rinviati nel tempo. Devo denunciare che non è mai stata fatta una corretta informazione da parte della classe politica, nel tentativo di celare il problema».

La ricetta 5 stelle è la creazione di un fondo di salvaguardia per evitare che l’ingente posta negativa provochi un disastro nel bilancio comunale.

Massimiliano Pettino

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Molare

Piccoli comuni alla disfida del "porta a porta"

09 Agosto 2019 ore 05:00
.