Martedì 10 Dicembre 2019

Acqui Terme

S.o.S. dal centro trasfusionale: il medico lo paga l'Avis

Il costo del medico è di 190 euro forfettari per 4 ore di servizio

S.o.S. dal centro trasfusionale: il medico lo paga l'Avis

ACQUI TERME - In un’epoca di razionalizzazioni sanitarie, anche fare del bene diventa farraginoso. È dal 1955 che l’Avis-Dasma di Acqui Terme raduna donatori e sangue (l’anno scorso 950) a disposizione del distretto sanitario alessandrino.

Ogni giorno, all’ospedale ‘Galliano’, dalle 8 alle 12, i volontari presidiano un gabbiotto all’ingresso del nosocomio mettendo a disposizione del prossimo il loro tempo nel tentativo di sensibilizzare la comunità su un tema importante come la donazione. Da un anno, però, sono chiamati a fare di più: a cercare un medico per rendere possibili le operazioni di donazione.  «Da quando il dottor Pedrazzi, il responsabile del Reparto trasfusionale è andato in pensione, l’Avis deve fornire i medici per garantire il servizio – ci ha spiegato il presidente Vittorio Grillo – I bandi di concorso per la sostituzione non sono andati a buon fine e così l’associazione, in virtù di una convenzione con l’Asl, per ogni donazione deve fornire e pagare il medico specializzato in attesa del rimborso».  «190 euro forfettari ad accesso per un impegno di 4 ore – ha aggiunto il vice presidente Beppe Guazzo – ovviamente non solo per le donazioni, ma per tutti i servizi del Centro Trasfusionale».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Lo speciale

Il docufilm sulla tragedia
di Quargnento

05 Dicembre 2019 ore 02:00
L'analisi

Mercato
delle seconde case:
il Monferrato piace

05 Dicembre 2019 ore 16:11
Ovada

Trenitalia: due nuovi convogli sulla Acqui-Genova

04 Dicembre 2019 ore 19:55
.