Venerdì 18 Settembre 2020

Il caso

Sp30: buche, fronde e turisti

Sp30: buche, fronde e turisti

CASSINE - Ci sono strade funestate dalle frane dell’alluvione novembrina e altre che non hanno scuse: sono da tempo immemore ridotte a un colabrodo. Ci è giunta una lamentela ‘qualficata’ da un gruppo di turisti su due ruote che percorrendo la Sp30, tra Sant’Anna e Gavonata, frazione di Cassine, hanno dovuto fare un pericoloso slalom tra i crateri (sì, li hanno chiamati così) del pavè asfaltato.

L’arteria che collega l’Acquese ad Alessandria è conosciuta per i numerosi incidenti che lì vanno in scena a volte a causa del manto bituminoso costellato di buche, altre per la vegetazione esuberante invadente la carreggiata, la maggior parte per il piede pesante di automobilisti che approfittano dei tratti rettilinei per testare (stupidamente) le prestazioni delle proprie vetture.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il caso

Medico positivo va al lavoro? Ospedale
in subbuglio

11 Settembre 2020 ore 16:16
Casale 

Uccide il padre
e gli dà fuoco, confessa
il 23enne

07 Settembre 2020 ore 20:21
.