Giovedì 20 Febbraio 2020

Lavoro

Cantieri di lavoro per 'over 58' nell'Acquese

Obiettivo: sostenere le persone over 58, inoccupate, prossime alla pensione e fornire personale ai Comuni

Cantieri di lavoro per 'over 58' nell'Acquese

ACQUI TERME - La misura persegue il doppio obiettivo di sostenere le persone over 58, inoccupate, prossime alla pensione e fornire personale ai Comuni bisognosi.

«Sono 761 le persone disoccupate residenti in Piemonte, con un’età superiore a 58 anni, che presto saranno inserite in cantieri di lavoro della durata di un anno, nel proprio Comune di residenza, grazie a progetti degli enti locali approvati dalla Regione – ha spiegato l’Assessore Regionale al Lavoro Elena Chiorino -  Lo stanziamento complessivo da parte della Regione ammonta a 6,138 milioni di euro da spendere in due anni di attività».

Potranno partecipare gli «over 58», residenti in Piemonte in modo continuativo da almeno 12 mesi, non occupate e non ancora pensionate, non inserite in un cantiere di lavoro e che non percepiscono alcun ammortizzatore sociale.

I progetti approvati sono in totale 206. Quelli approvati nell'Acquese interesseranno, Acqui Terme (2 progetti, 3 cantieristi in totale), Morsasco (1 cantierista), Cassine (2 cantieristi) e Cremolino (3 cantieristi). «Le persone inserite nel cantiere percepiranno un’indennità lorda giornaliera di 29,70 euro, per un massimo di 30 ore di lavoro a settimana – hanno spiegato dalla Regione - L’assegno sarà erogato dall’Inps al lavoratore. I Comuni dovranno coprire le spese per la sicurezza nel luogo di lavoro e le coperture assicurative, e dovranno sostenere i costi degli oneri previdenziali, che saranno poi rimborsati dalla Regione».

Gli ambiti di impiego sono variegati: dall’ambientale, alla salvaguardia dei beni culturali e artistici dal settore del turismo ai servizi di utilità pubblica o sociale.

«Si tratta di una misura che consideriamo di fondamentale importanza, decisamente più significativa dei provvedimenti ideologici di stampo assistenzialista, come il reddito di cittadinanza che, ad oggi, si è dimostrato un totale fallimento per l’occupazione e soltanto un fardello per chi lo deve gestire – hanno concluso l’Assessore Elena Chiorino e il Capo di Gabinetto Claudio Bonante - In primo luogo, con i cantieri di lavoro “over 58” diamo la possibilità a persone che hanno necessità di accumulare contributi pensionistici di poterlo fare percependo anche un reddito, con la dignità che soltanto il lavoro - e non certo l'assistenzialismo pauperista - può garantire. Allo stesso tempo, veniamo incontro alla impellente necessità dei Comuni, specie di quelli più piccoli, di implementazione del personale, troppo spesso carente, o addirittura assente, a causa della mancanza di fondi per poterlo assumere. La Regione considera il lavoro una priorità assoluta».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Bistagno

Schianto davanti
alla stazione ferroviaria, un morto

14 Febbraio 2020 ore 16:39
.