Giovedì 21 Novembre 2019

Lavoro

L'agricoltura? Sempre più un affare da giovani

L'Italia è al primo posto in Europa per numero di giovani impiegati in agricoltura.

L'agricoltura? Sempre più un affare da giovani

TORINO - L'Italia è al primo posto in Europa per numero di giovani impiegati in agricoltura. Gli under 35 sono alla guida di 57.621 imprese (dati 2018), in aumento del 4,1% rispetto all’anno precedente.

Questo emerge dall'analisi di Coldiretti, divulgata in occasione della diffusione dei dati dall’aggiornamento Eurostat che attribuiscono all’Italia il record del 28,9% per un totale di 3 milioni di giovani tra i 20 e i 34 anni che non studiano e non lavorano. I giovani piemontesi confermano i trend nazionali che vedono l’agricoltura come settore che sa dare concrete prospettive di futuro: sono aumentate, infatti, le aziende under 40 del 60% rispetto al 2017 e 2018.

Spiega Danilo Merlo, delegato regionale di Giovani Impresa: «L’agricoltura è tornata ad essere un settore strategico per la ripresa economica ed occupazionale. Grazie alle nuove generazioni, il binomio agricoltura e innovazione è diventato sempre più frequente: la conferma l’abbiamo avuta ancora con le aziende che hanno partecipato al concorso Oscar Green. Il 70% delle imprese giovani opera in attività che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche agli agriasilo, ma anche alle attività ricreative, l’agricoltura sociale per l’inserimento di disabili, detenuti e tossicodipendenti, la sistemazione di parchi, giardini, strade, l’agribenessere e la cura del paesaggio o la produzione di energie rinnovabili».

Concludono il presidente di Coldiretti Piemonte Roberto Moncalvo e il delegato confederale Bruno Rivarossa: «Occorre sostenere lo spirito imprenditoriale giovanile tagliando gli ostacoli burocratici che spesso rallentano l’avvio e l’iter delle attività agricole trovando anche nuove formule. La crescita dei giovani in agricoltura è sicuramente molto positiva però, necessita del supporto delle istituzioni affinché, attraverso specifiche misure, si possano attivare progetti che offrano davvero nuove opportunità. Essi sono, infatti, portatori di idee, nuova progettualità e prospettive di crescita, che possono giovare all’economia dell’intero territorio piemontese».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Masio

Schianto fatale
dopo la curva, muore 23enne

10 Novembre 2019 ore 13:55
Tempo reale

Maltempo, allerta scesa. San Michele, evacuata
la materna

19 Novembre 2019 ore 07:00
.