Domenica 22 Maggio 2022

Politica

La Roso su Avim: "Dal Pd solo un calderone di nomi"

La candidata sindaco del centrodestra: "Io responsabile? Sì, ma di aver ridotto il debito"

Franca Roso è pronta per la sfida: "Voglio riportare Acqui dove merita"

ACQUI TERME - Nella polemica Avim si inserisce anche Franca Roso, candidata sindaco di Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia alle prossime elezioni comunali.

L'ex vice sindaco nel "quinquennio Bertero" ha deciso di replicare in particolare alle affermazione rilasciate da Ezio Cavallero, coordinatore del circolo acquese del Partito Democratico, che ha messo anche il nome della Roso nella lista dei responsabili del fallimento della società costituita nel 2008 dall'allora Giunta Rapetti per la vendita e la cartolarizzazione degli immobili di proprietà comunale. Secondo la candidata sindaco del  Centrodestra l'analisi di Cavallero «è andata oltre il limite dell'onestà intellettuale – picca l'alfiere  di Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia - Tra i tanti numeri, dati e responsabilità evidenziate, il coordinatore del Circolo acquese del PD, nell’inserirmi nel calderone ha dimenticato di fare un distinguo tra operazioni buone e cattive degli amministratori succedutisi nel tempo. È vero, la società Avim srl fu costituita nel 2008 dall’allora sindaco  Danilo Rapetti e vice Enrico Bertero. Motivazione? Cartolarizzare alcuni beni comunali e con questa operazione consentire al Comune il rispetto del Patto di stabilità evitando gravi conseguenze per gli amministratori in carica». 

Cavallero (Pd): "Disastro Avim, i responsabili si ricandidano tutti"

"Passa il tempo e il danno per il Comune aumenta. E pagano i cittadini..."

Data la competenza in materia contabile, la candidata sindaco rende noti i numeri della  manovra finanziaria: «Con la costituzione di AVIM vennero effettuate dall’amministrazione Rapetti due distinte operazioni: a fine 2008 la cartolarizzazione dell’area ex Merlo, degli immobili di Via Emilia e degli appartamenti di Via Galeazzo ottenendo così un  finanziamento della Banca Popolare di Milano di 3.479.050 euro e a fine 2009 una operazione simile con l’intero immobile dell'ex Tribunale per un mutuo ipotecario di 3.044.000 euro».
Franca Roso non ci sta è chiede a Ezio Cavallero «di leggere con attenzione l’atto approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 21 novembre 2016 con il quale  attraverso una vantaggiosa operazione, della quale mi sono occupata personalmente, è stato definito il “saldo e stralcio” del finanziamento in capo ad AVIM SRL, riducendo così l'esposizione di ben 1.545.522 euro. Io responsabile? Sì, ma di aver ridotto il debito e fatto risparmiare soldi agli acquesi».  

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

La tragedia

Pontestura in lutto: muore mamma di 41 anni

18 Maggio 2022 ore 15:57
.