Lunedì 01 Marzo 2021

Acqui Terme

Acqui, puliti 26 km di fossi: "Per prevenire rischio idrogeologico"

Lucchini: "Opera fondamentale a difesa e tutela del nostro territorio"

Acqui, puliti 26 km di fossi: "Per prevenire rischio idrogeologico"

ACQUI TERME - Magna opera anti dissesto idrogeologico organizzata da Palazzo Levi. Nei giorni scorsi il Comune bollente ha portato a termine una serie di lavori per la pulizia dei fossi «scavati e ripuliti dalla vegetazione in modo da garantire il corretto deflusso dell’acqua piovana, così da prevenire allagamenti e smottamenti che possono essere aggravati da una scarsa manutenzione – hanno spiegato i tecnici comunale - I fossi ostruiti da terriccio ed erbacce, infatti, fanno sì che l’acqua ristagni e non scorra e, in caso di forti piogge, questa non defluisca e invece esondi, invadendo strade e proprietà private. Una corretta manutenzione di fossi e canali rappresenta il presupposto fondamentale per prevenire tutti i fattori di rischio idrogeologico nell’ottica di un’efficace tutela del territorio».

Costo dell’opera 60.728 euro per la ripulitura di 26 chilometri di fossi. I lavori sono stati affidati alla ditta Visconti e la pulizia ha toccato strada della Maggiora, strada Monterosso, strada Botti, strada Lussito-Ovrano, passeggiata Montestregone, strada Valloria, strada Ricci strada Crenna, zona Fasciana e zona Valle Benazzo.

«Le finalità di queste operazioni sono quelle di assicurare il corretto deflusso delle acque, limitare l’erosione del suolo e convogliare attraverso idonei sistemi di drenaggio le acque meteoriche. Questi interventi permetteranno di allontanare le acque in maniera controllata – continuano dal Comune - Nelle stesse zone è stata portata anche a termine la pulizia dei canali di scolo delle acque, per la quale sono stati stanziati 20 mila euro. I lavori sono stati affidati alla ditta Guazzo Spurghi».

«La prevenzione del rischio idrogeologico ci sta particolarmente a cuore – spiega il sindaco Lorenzo Lucchini –. Le violente ondate di maltempo del 2019 ci hanno insegnato che va posta una grande cura alla regimazione delle acque. In questi giorni è stato fatto un ampio e minuzioso lavoro dalle ditte incaricate, che hanno ripulito i fossi e i canali di scolo di tutte le strade extra-urbane. Sono investimenti forse meno visibili della costruzione di un edificio, ma sono estremamente importanti per la prevenzione del rischio idraulico e per difendere il nostro territorio evidentemente fragile agli intensi fenomeni meteorologici che ci hanno toccato negli ultimi anni».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

novi ligure

Addio a Sonia Merlo, «amica altruista
e collega gentile»

19 Febbraio 2021 ore 09:25
La tragedia

Bistagno, schianto mortale in periferia

19 Febbraio 2021 ore 21:05
La tragedia

Schianto a Bistagno: l'Acquese piange 40enne di Monastero

20 Febbraio 2021 ore 08:00
.