Giovedì 13 Maggio 2021

L'iniziativa

"Senza aiuti la metà delle società sportive è a rischio"

Il documento di 245 club della serie C del calcio e di basket e volley

"Senza aiuti la metà delle società sportive a rischio"

ALESSANDRIA - "Sarà il Natale più buio dello sport italiano". Il grido di allarme arriva da 245 club di Lega Pro,  Lega basket Serie A,  Lega Nazionale Pallacanestro, Lega volley maschile e Lega pallavolo femminile, le realtà che hanno creato nei mesi scorsi il Comitato 4.0. "In altre nazioni lo sport del territorio ha avuto aiuto concreti: è successo in Germania, in Francia, in Gran Bretagna. In Europa, dove  è stato riconosciuto lo stato di sofferenza delle società sportive che, svolgendo un’impareggiabile funzione sociale, stanno portando avanti i propri campionati tra crescenti difficoltà economiche che ne mettono seriamente a rischio ormai la stessa sopravvivenza. Purtroppo in Italia tutto questo non è accaduto".

In una lunga riunione è stato elaborato un documento per sollecitare il governo, perché molti sodalizi sono a forte rischio di sopravvivenza. "Tra costi sanitari aggiuntivi per tamponi e “bolle” e mancati ricavi da botteghino a causa della prolungata chiusura di stadi e palazzetti, che potrebbe anche protarsi per l'intera stagione, decine di club rischiano di dover chiudere i battenti, mandando in rovina patrimoni sportivi, sociali e territoriali costruiti in decenni di attività".

Il Comitato 4.0 aveva già inviato ai ministri Spadafora (sport) e Gualtieri (finanze) e ad alcuni parlamentari un pacchetto di proposte. "Chiediamo alleggerimento fiscale, un fondo perduto per far fronte alle spese sanitarie, finanziamenti erogati dall’Istituto per il Credito Sportivo garantiti a livello centrale per le esigenze di liquidità". Ora i club "si appellano al governo perché venga concessa il prima possibile una qualche forma di ristoro".

Una legge che riconosce un credito d’imposta del 50 per cento  sulle sponsorizzazioni è stata varata, ma manca il decreto attuativo per definire alcune incertezze interpretative, determinando una impasse che sta depotenziandol’efficacia dell’intervento normativo, di fatto vanificato. "Nella stagione sportiva 2020/2021 - sottolinano i club - i ricavi da sponsorizzazione si sono ridotti di almeno un terzo rispetto alla precedente". 

Metà dei club a rischio

Il comitato 4.0 ha accolto le istanze di club e quantificato perdite e aiuti necessari. "Il fabbisogno medio pari al 42% dei ricavi della stagione sportiva 18/19, con una media di 623 mila euro a testa. Finora solo un terzo della platea ha ricevuto un sostegno statale per fronteggiare la crisi Covid-19. Ma l’ammontare medio di questi aiuti, per i club che li hanno ricevuti, copre appena il 14% di questo fabbisogno".

L'intervento sollecitato deve essere tempestivo, "la metà dei club stima di non poter resistere oltre gennaio con risorse proprie. Per 8 club su 10 sarebbe utilissimo perciò un finanziamento garantito dallo Stato. L'indagine ha evidenziato che  sono 77 i club, un terzo degli appartenenti delle leghe, che in assenza di un finanziamento con garanzia dello stato probabilmente non si iscriveranno alla prossima stagione sportiva".

E' nata anche una campagna, che è la battaglia delle società e del Comitato 4.0. Con un hashtag #salviamolosport. "A rischio ci sono migliaia di posti di lavoro tra atleti e componenti dello staff così come il ruolo sociale svolto sul territorio dai club, soprattutto a beneficio dei più giovani. Rischia di venir meno il gettito fiscale di circa 23 milioni di euro generato dalle attività di queste aziende sportive".

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

.