Domenica 24 Gennaio 2021

La protesta

Lettera a Cirio e al sindaco: "Aiutateci o pronti allo sciopero fiscale"

La firma di una sessantina di commercianti e gestori di strutture sportive: "Tutto sarà fatto nel rispetto delle regole e pacificamente" 

Lettera al sindaco: "Ci aiuti o siamo pronti allo sciopero fiscale"

ALESSANDRIA - "Disobbedienza fiscale: ma questo avrebbe poco effetto perché se non ci fate lavorare qualunque sia la percentuale di tassazione su un fatturato di 0,00 euro è pari a 0,00 euro; disobbedienza al Dpcm: apriamo i nostri esercizi e aspettiamo che facciate multe a tutti quanti. Ma il nostro sistema non prevede situazioni simili e, quindi, le suddette multe e qualunque altra azione fosse fatta contro di noi sarebbero cancellate in Tribunale; stazioneremo, a rotazione, pacificamente davanti ai vari uffici comunali, provinciali, regionali e statali presenti in città": un gruppo di una sessantina di commercianti di vari comparti e gestori di strutture sportive alessandrine è pronto anche alla protesta fiscale e civile - "ma nel pieno rispetto delle regole e in maniera assolutamente pacifica" - per far valere le proprie ragioni dopo le chiusure imposte dal governo in Piemonte, dichiarato 'zona rossa'.

"Abbiamo fatto una riunione con oltre 300 persone collegate a distanza - spiega Cesare Battista, proprietario di uno studio di pilates - e non serve a nulla scaldare gli animi. Perché a rimetterci saremmo noi per primi. Così si è deciso di scrivere un paio di lettere al governatore Cirio, al sindaco e alle istituzioni in generale per far valere le nostre ragioni".

LA LETTERA A CIRIO

LA LETTERA AL SINDACO CUTTICA DI REVIGLIASCO

Quali sono le vostre richieste? "Noi non diciamo che il Covid-19 non esiste. Ma se ci sono delle regole, devono essere uguali per tutti. Non che uno apre e tre no e che sui mezzi pubblici si può girare tranquillamente. Lì ci sono gli assembramenti, non da me dove si viene su appuntamento e da settembre non è mai stato registrato alcun contagio o problema".

Perché vi siete rivolti al sindaco Cuttica di Revigliasco? "Perché lui rappresenta Alessandria, rappresenta la nostra comunità - risponde Battista - A noi non interessa la politica, ma lavorare".

Siete pronti anche a scendere in piazza? "Vediamo anche le risposte che ci arriveranno. La lettera, al momento, è stata firmata da una sessantina di commercianti e piccoli imprenditori, che hanno scelto di aderire mettendoci la faccia. Ma è tutto in evoluzione. E, ripeto, qualsiasi cosa faremo sarà realizzata pacificamente e nel pieno rispetto delle regole: ma, ad esempio, io sto pure valutando assieme a un legale se posso aprire e eventualmente a cosa vado incontro. Se girano i bus, perché io non posso tirare su la serranda visto che da me non si rischia alcun tipo di assembramento?"

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

La lettera

Il direttore rimette
il mandato

17 Gennaio 2021 ore 16:49
Il video

Quargnento: il procuratore e la tragedia

15 Gennaio 2021 ore 11:06
.