Sabato 04 Luglio 2020

Coldiretti

Grandine a Bistagno, il 40% dei vigneti danneggiati

Nei giorni scorsi una bomba d'acqua si è abbattuta sull'Acquese danneggiando vigne, campi e frutteti

Grandine a Bistagno, il 40%  dei vigneti danneggiati

Mauro Bianco, presidente Coldiretti Alessandria

ACQUI TERME - «Compromesse sino al 40% le produzioni, ha colpito in particolare i vigneti di Moscato, Barbera e Dolcetto che sono nella fase media di grappoli separati. Un pazzo giugno segnato da eventi estremi tra violenti nubifragi, grandinate e bufere di vento, più del doppio rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (+124%)» ha lamentato la Coldiretti parlando di Bistagno.

Il dato emerge da una elaborazione del organo di rappresentanza degli agricoltori su dati dell’European Severe Weather Database (ESWD) in riferimento all’ultima ondata di maltempo che ieri ha colpito nuovamente la provincia di Alessandria.

«Nubifragi, allagamenti, frane e grandine – afferma Mauro Bianco, presidente Coldiretti Alessandria - hanno provocato molti danni nelle città e nelle campagne. Si tratta dell’ultima spallata del clima impazzito in una maledetta coda di primavera che è iniziata con il gelo che ha compromesso le fioriture ed è proseguita con temperature molto al di sopra della media stagionale». 

Il risultato, secondo Bianco, sarebbero pesanti danni alle coltivazioni con la perdita in molte aziende di un intero anno di lavoro, conseguenza dei cambiamenti climatici «dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi che fanno registrare ingenti perdite della produzione agricola e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne».

«La grandine è l’evento più temuto dagli agricoltori in questo momento perché i chicchi si abbattono sui vigneti, sulle verdure e sui frutteti e – aggiunge il direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo – spogliano le piante compromettendo i raccolti successivi, dopo un anno di lavoro. Nelle zone interessate dal maltempo sono particolarmente concentrate le coltivazioni di frutta, orticole e vigneti: in questo caso risulta fondamentale la protezione delle reti antigrandine che tuttavia non sono ancora sufficientemente diffuse». 

I tecnici Coldiretti sono impegnati nei luoghi dove si è abbattuta maggiormente l’ondata di maltempo al fine di realizzare una prima stima dei danni.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Novi Ligure

Muore mentre fa
colazione al bar

02 Luglio 2020 ore 11:20
.