Lunedì 16 Dicembre 2019

Acqui Terme

Ad Acqui e sobborghi nuovi ripetitori per le radio

L'iniziativa non graverà sulle casse di Palazzo Levi

Ad Acqui e sobborghi nuovi ripetitori per le radio

ACQUI TERME - Nei giorni scorsi la Casa comunale ha stipulato una convenzione con una società di Brescia per l’installazione di alcuni ripetitori di segnali radiofonici. «Il territorio del Comune di Acqui e limitrofi, a causa della particolare conformazione orografica, mal si presta ad una corretta fruizione dei segnali radiofonici e che molte zone risultano ancora oggi poco o per nulla servite dai ripetitori principali – hanno premesso da Palazzo Levi – riteniamo che la ripetizione dei segnali radiofonici di emittenti private di rilevanza nazionale non ancora fruibili o scarsamente ricevibili sul nostro territorio (tra le quali Radio Monte Carlo, Virgin Radio, Radio Kiss Kiss ecc.) sia di interesse pubblico, in quanto il loro ascolto è richiesto dalla popolazione specialmente giovanile». E così, dopo una ricerca di mercato e l’individuazione della ditta incaricata dell’ampliamento del segnale (tale Prais Srl) è stato analizzato un progetto e predisposto un modello di convenzione da inoltrare al Mise per l’autorizzazione.

Tutto il pacchetto, pratica amministrativa, installazione apparecchiatura e manutenzione relativa, sarebbe a carico della società e quindi a costo zero per il Comune acquese.

Appena si è diffusa la notizia, sono partite le allarmate segnalazioni sugli effetti nefasti sulla salute conseguenti e/o collegate alla installazione di strutture atte a irradiare o captare il segnale elettromagnetico. Tale ingiustificato allarmismo probabilmente trae spunto da una poco corretta informazione reperita qua e là dai siti dell’ ‘onniscente internet’.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Lo speciale

Il docufilm sulla tragedia
di Quargnento

05 Dicembre 2019 ore 02:00
L'analisi

Mercato
delle seconde case:
il Monferrato piace

05 Dicembre 2019 ore 16:11
Carabinieri

Tre imprenditori
nei guai
per sfruttamento del lavoro

12 Dicembre 2019 ore 14:08
.