Venerdì 23 Agosto 2019

Arrestato rapinatore delle poste, aveva lasciato il suo numero ad una ragazza

“Sei bella, vorrei conoscerti”. Il tentativo di abbordare una ragazza ha messo i carabinieri della compagnia di Acqui sulle tracce dell'uomo che aveva rapinato le poste in centro, minacciando le impiegate con un coltello

Arrestato rapinatore delle poste, aveva lasciato il suo numero ad una ragazza
CRONACA – E' stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Acqui Terme il presunto autore della rapina nell'ufficio postale in via Trucco, commessa il giorno di San Valentino. A mettere gli inquirenti sulle tracce di Pasquale Tullo, 41 anni, residente a Torino ed originario di Lecce, sono state le immagini dei sistemi di videosorveglianza lungo le strade di Acqui, ma anche negli esercizi commerciali del centro. Un paio d'orae prima di entrare in azione, si era infatti fermato a prendere un caffè e, rimasto affascinato da una giovane, le aveva lasciato un biglietto, con tanto di nome e numero di telefono: “sei bella, vorrei conoscerti”.
Dopo la pausa caffè e la parentesi da seduttore, si era diretto poi verso l'ufficio postale.
L'uomo era entrato a volto scoperto nel pomeriggio del 14 febbraio ed aveva atteso in coda il suo turno. Una volta davanti all'impiegata, aveva estratto un coltello ed aveva intimato ai presenti dietro il bancone di consegnare il denaro. Se ne era uscito con circa 4 mila euro di refurtiva, allontanandosi a piedi.
Circostanze che hanno portato a pensare che non fosse nuovo a questo tipo di colpi. I carabinieri hanno quindi avviato le ricerche, partendo dalle immagini delle telecamere e nel giro di poco tempo lo hanno individuato. A quel punto, occorreva dare un nome al sospettato. Il biglietto, con il nome di battesimo e il numero di telefono, lasciato alla ragazza è stato provvidenziale. Controllando gli spostamenti, i carabinieri hanno appurato che l'uomo, dopo la rapina, era stato in Calabria e stava tornando, in treno, ad Alessandria. Lo hanno fermato alla stazione mentre stava salendo su un convoglio diretto a Torino. Nell'appartamento che aveva affittato ad Acqui sono stati trovati inoltre il coltello, il giubbotto che aveva usato durante la rapina ed un sacchetto di plastica per i soldi.
Tullo aveva precedenti ed era già stato in carcere. Durante l'interrogatorio di convalida del fermo avrebbe ammesso la rapina di Acqui.

 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

.