Lunedì 22 Luglio 2019

Bambini nati da coppie omosessuali? "Alessandria è pronta"

Ora che in provincia si è posto il problema, anche l'ufficio anagrafe alessandrino ha 'drizzato le antenne'. In casi analoghi saprebbe come comportarsi, anche se la decisione viene solo affidata alla magistratura. Non è uno scaricabarile, "La legge dice questo", precisa l'assessore

Bambini nati da coppie omosessuali? "Alessandria è pronta"
ALESSANDRIA – Il caso scoppiato all’anagrafe di Acqui Terme per la mancata – pare momentanea – trascrizione della nascita di un bambino con due genitori donna potrebbe fare scuola (leggi qui la storia), o comunque ripetersi in altri comuni della provincia, magari nello stesso capoluogo, dove però “non si sono verificati ancora casi di questo genere”, precisa l’assessore competente, Cinzia Lumiera.

Quindi, negli uffici di Palazzo Rosso, se dovesse verificarsi una situazione identica, come ci si comporterebbe? “Precisiamo subito che non è una questione politica”; dice Lumiera, proprio per evitare strumentalizzazioni o attacchi di sorta. “In ogni caso si procederebbe alla trascrizione momentanea, proprio per tutelare il nato. Per legge siamo tenuti ad iscriverlo. Ogni caso, comunque, è diverso dall’altro ed ha caratteristiche differenti. Ma se dovesse ripresentarsi una stessa situazione i nostri funzionari sono pronti a seguire l’iter normativo. Che prevede di portare tutti gli atti in Procura”.

Saranno infatti i giudici ad accertarsi che la nascita sia avvenuta nella perfetta legalità e rispetto delle regole italiane. Sempre ai giudici spetta il controllo della genitorialità nel caso di coppie dello stesso sesso, per matrimoni dubbi o contratti all’estero”. Studiato il caso acquese, par di capire che gli impiegati avrebbero fornito informazioni e risposte non esatte, forse proprio perché anche per loro si trattava di una situazione eccezionale. “La procedura è questa”, sentenzia Lumiera, forse sollevata che sia prima capitato ad altri che ai suoi uffici.

“Lo stesso avviene per una nascita per fecondazione assistita”, conclude l’assessore, “ci sono questioni legali da approfondire, ma non è il nostro campo. A noi spetta registrare il bebé, se poi sorgessero delle anomalie, saremmo chiamati dalla Procura della Repubblica ad intervenire o modificare l’atto”.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Lerma

Incidente sul lavoro: operaio
perde la vita

19 Luglio 2019 ore 12:48
Ovada

Bloccano la Acqui - Genova: tre denunciati

16 Luglio 2019 ore 14:18
.