Lunedì 21 Ottobre 2019

Bazar di attrezzi rubati in due cascine acquesi: dalla stufa al fucile

C'era proprio di tutto nelle due abitazioni: stufe e vari attrezzi agricoli. C'era pure una macchina del caffé e un fucile ad aria compressa. I Carabinieri invitano le vittime di furti dell'Acquese e dell'Ovadese a visionare il gran numero di pezzi sequestrato

Bazar di attrezzi rubati in due cascine acquesi: dalla stufa al fucile
CASSINE - Seguendo i movimenti dei due arrestati dell'altro giorno (leggi qui) presi con un'auto carica di rame e oggetti rubati, i Carabinieri sono arrivati alla perquisizione di due case, una a Cassine e l’altra in un paese limitrofo, usate o frequentate da uno degli arrestati.

Nell’abitazione di Cassine, i Carabinieri hanno rinvenuto decine di attrezzi agricoli e stufe a pellet e una macchina del caffè che, per il modello particolare, è stata riconosciuta come rubata nel mese di aprile 2018 in un’abitazione di Cavatore.

Nell’altra abitazione c'erano altri oggetti di dubia provenienza, tra cui una trivella con punte risultata rubata a Trisobbio. C'era inoltre una carabina ad aria compressa priva di numero di matricola.

Per i due tenutari delle abitazioni, M.R. e D.G., è scattato il deferimento icon l’accusa di ricettazione. D.G. è stato denunciato anche per detenzione di arma clandestina.

"Data la mole di attrezzi agricoli, probabili provento di furto", consigliano i carabinieri di Acqui, "Invitiamo chiunque avesse subito furti di tali materiali negli ultimi mesi, specialmente se proveniente da paesi dell’acquese o dell’ovadese, a contattare telefonicamente la Compagnia al fine di verificare, riconoscere e riavere eventualmente quanto perduto".

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Presentazione

Soged,
i nuovi giornali
e i siti
in un evento al Disit

11 Ottobre 2019 ore 14:25
Prima Categoria

Novese sul velluto, Luese e Sexadium restano agganciate

13 Ottobre 2019 ore 16:47
.