Giovedì 30 Giugno 2022

Politica

Pd: "Nuove ciclovie, un'occasione di sviluppo da non perdere"

Il Governo ha destinato 2,6 miliardi di euro per le ciclovie 'Eurovelo'

La pista ciclabile è realtà

ACQUI TERME - Per il Partito Democratico acquese un'occasione da non perdere, «un investimento enorme con finalità di collegamento ad inquinamento zero per le brevi distanze e turistico». Con il Def (Documento di economia e finanza) il Governo ha destinato 2,6 miliardi di euro per le ciclovie 'Eurovelo', «tra le quali vi è anche la VenTo (Torino – Venezia lungo il corso del Po). E’ la ciclovia del piano “Eurovelo” più vicina a noi», sottolineano i 'dem' termali. 

«La Giunta Regionale precedente a quella in carica, nel 2019, ha aggiornato la rete delle piste ciclabili regionali integrate con la rete delle ciclabili nazionali ed europee, inserendo nella rete, finalmente, la ciclabile Alessandria – Acqui – Alba, ciclovia n.18 di interesse regionale. È un fatto di enorme rilievo per il futuro del turismo dell’Acquese e di tutta la valle Bormida. Questa pista - sottolineano dal circolo 'Raffaele Salvatore' - prevede il collegamento con la ciclabile nazionale VenTo, che collega Torino con Venezia, e con le ciclabili delle dorsali europee, ma anche con le ciclovie n.19 “Terre di Coppi” e n.16 “Bar2Bar” zona del barolo e con la ciclovia n.6 “Via Francigena valle di Susa”.

La ciclovia andrebbe da un lato a collegare Acqui Terme con Alessandria, Casale Monferrato con la ciclovia VenTo, e dall’altro lato collegherebbe Cortemilia ed Alba, «completando cosi un circuito che attraversa il Monferrato e le Langhe. Questa ciclabile, oltre ad inserirsi in una politica per la mobilità sostenibile e a promuovere in generale l’uso della bicicletta, che in Italia si attesta solo al 3,8%, porterà vantaggi economici sui territori attraversati beneficiando dei flussi turistici della ciclovia nazionale ed Europea VenTo. I percorsi inseriti nella rete regionale godranno di maggiori e più facilitati finanziamenti oltre il diretto intervento in supporto della Regione. È compito degli Amministratori dei Comuni i cui territori insistono sulla ciclovia, costituire un’Associazione Temporanea di Scopo - affermano i democratici acquesi - per recuperare i finanziamenti necessari per la progettazione e la realizzazione, a partire dal primo tratto che collega Acqui Terme a Visone e a seguire con Rivalta Bormida, Castelnuovo Bormida, ecc. fino ad Alessandria e alla VenTo. Non si può perdere questa occasione di sviluppo. Nell’Albese e nel Nicese sono già operativi ed hanno inaugurato alcuni tratti. Purtroppo negli ultimi cinque anni l’Amministrazione uscente del Sindaco Lucchini non è riuscita o non ha voluto, per poca lungimiranza, essere la promotrice dell’Associazione temporanea di scopo per almeno predisporre il progetto esecutivo della ciclabile n.18. Cinque anni persi».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Lo spoglio

Giorgio Abonante
nuovo sindaco di Alessandria

27 Giugno 2022 ore 00:14
.