Mercoledì 06 Luglio 2022

Acqui Terme

L'idea del Pd: alla Bollente performance per acqua e fanghi curativi

"L’acqua termale di Acqui deve tornare ad essere fonte di benessere degli acquesi"

L'idea del Pd: alla Bollente la performance per acqua e fanghi curativi

ACQUI TERME - Una performance artistica tra i fumi sulfurei della Bollente: è quanto si è visto ieri pomeriggio, sabato 21, ad Acqui Terme in occasione dell'iniziativa organizzata dal circolo acquese del Partito Democratico, con tanto di fango termale preparato in loco. Al 'Flash mob' annunciato ha preso parte anche il candidato sindaco Bruno Barosio

«Da che è iniziata la campagna elettorale - si legge nel comunicato dei democratici - si parla molto delle terme di Acqui e dell’acqua termale. Forse se ne è parlato troppo poco in passato, quando si pensava che Acqui e le sue Terme fossero un binomio inscindibile e che il comparto termale sarebbe stato per sempre la forza motrice dell’economia acquese. Non è stato cosi! Da qualche tempo l’attività si è ridotta fino alla sua definitiva chiusura. Tutto è cominciato con la privatizzazione della società pubblica di riferimento del settore; con riguardo a quel procedimento, alcuni più di altri si sono dedicati alla ricerca del colpevole. In realtà se si dovesse scrivere con la dovuta attenzione di quel periodo ne verrebbe fuori, come nei migliori racconti gialli, che i colpevoli sono più di uno; quando si parla di corresponsabilità i più agili sono subito pronti a sminuire il proprio ruolo ed accentuare quello di altri, secondo il noto ragionamento: “lui è peggio di me”. Esercizio vano ed inutile. Noi preferiamo agire sulla situazione attuale e ricercare le possibili soluzioni».

In piazza della Bollente è andata in scena «una dimostrazione esemplificativa dell’utilizzo dell’acqua termale di Acqui. Acqua di particolare pregio, le cui componenti hanno proprietà curative. L’utilizzo sanitario-curativo della nostra acqua avviene con l’unione all’argilla, lasciando poi al tempo il compito di amalgamare un prodotto, ovvero “il fango termale”, che viene applicato sula corpo dei pazienti. La performance artistica di oggi ne è una dimostrazione plastica. In realtà il fango termale viene preparato dal fanghino ed applicato dall’operatore professionale». O almeno questo accadeva prima che gli stabilimenti chiudessero i battenti: «Oggi il fango non viene prodotto né tantomeno applicato perché l’acqua termale è in concessione ad un imprenditore che periodicamente ci comunica che ritiene più conveniente non usarla. Come e con quale esito si uscirà da questa impasse, sarà storia dei prossimi mesi e protagonisti saranno il sindaco ed i suoi collaboratori. Perché una cosa è certa, per quanto ci riguarda: dell’acqua termale si parlerà molto nei prossimi mesi, e noi ci impegneremo fino all’ultima risorsa».

Con la dimostrazione i 'dem' acquesi hanno voluto sottolineare due aspetti in particolare, ovvero che «dalle bocche di piazza della Bollente sgorga acqua che è già pubblica e quindi, almeno quella, è già degli acquesi e forse, cose molti hanno prospettato, si potrebbe pensare di nuovo ad un utilizzo di essa. Il messaggio del centro sinistra acquese è questo: l’acqua termale di Acqui deve tornare ad essere fonte di benessere degli acquesi».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Lo spoglio

Giorgio Abonante
nuovo sindaco di Alessandria

27 Giugno 2022 ore 00:14
.