Domenica 24 Gennaio 2021

Acqui Terme

Avim, arriva il fallimento in proprio

Il Partito Democratico rivendica il ruolo di Cassandra

Avim, arriva il fallimento in proprio

L'ex caseificio Merlo fa parte del patrimonio Avim

ACQUI TERME - Un disastro annunciato. Da anni. L’Avim, la società creata nel 2008 per la cartolarizzazione del patrimonio immobiliare comunale, fallirà. Lo ha stabilito a fine anno l’assemblea dei soci (in verità il solo Comune di Acqui Terme) dopo aver constatato la mancata approvazione da parte dei creditori della proposta del piano di risanamento e lo stato di insolvenza della società. Quindi, fallimento in proprio. La perdita di valore immobiliare è impressionante: da 7.893.000 euro a 1.683.410 valutati nel 2019 nonostante la vendita di beni per 1.863.887. Sulle spalle del Comune perdita pari a 4.319.893 (valore dell’ultima perizia). «Poi bisogna vedere l’effettivo incasso all’atto di vendita che, essendo un’asta, sarà sicuramente molto meno, quindi con ulteriore incremento della perdita – hanno commentato dal Partito Democratico acquese da sempre ostile all’operazione - Questa perdita di valore, ammontante almeno ad euro 4.345.703, la pagano nella sostanza i cittadini di Acqui Terme. Ma non è tutto, a ciò vanno aggiunti i debiti dichiarati (euro 57.683 e anticipo al Comune di Acqui Terme euro 714.822,87) nonché l’accantonamento per perdite della società Avim effettuato dall’amministrazione per euro 407.371. I costi di gestioni degli immobili dal 2008/9 ad oggi e gli interessi pagati all’istituto di credito, oltre a quello che non si sa. Il conto completo lo avremo a fallimento definito».

Dito puntato contro i governi passati e presenti: «Questo è danno ai cittadini di Acqui Terme è conseguente la decisione scellerata dell’amministrazione comunale del Sindaco Danilo Rapetti, Assessore Paolo Bruno, perpetuata fino ad oggi dalle amministrazioni Bertero e Lucchini, naturalmente con gradi differenti di responsabilità».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

La lettera

Il direttore rimette
il mandato

17 Gennaio 2021 ore 16:49
Il video

Quargnento: il procuratore e la tragedia

15 Gennaio 2021 ore 11:06
.