Martedì 24 Novembre 2020

Acqui Terme

Castello dei Paleologi, partono i lavori per il bastione lesionato

Il costo complessivo dell’operazione è di 40 mila euro.

Il Parco dei Paleologi e le brutte frequentazioni

ACQUI TERME - Al via i lavori per la messa in sicurezza di uno dei bastioni del Castello dei Paleologi, sede nel Museo civico archeologico e dell'orto botanico. «L’edificio risale, nel suo impianto originario, almeno all’XI secolo - spiegano da Palazzo Levi - Del nucleo originario medievale del castello non rimane ormai più nulla: le strutture più antiche attualmente esistenti si datano, infatti, non prima della seconda metà del XV secolo». 

Gli interventi si sono resi necessari in quanto il bastione orientale appare seriamente lesionato da profonde crepe, dovute principalmente alla crescita di un leccio secolare posto in sommità del castello. «I lavori prevederanno il consolidamento del bastione con la realizzazione di quattro ordini di rinforzi costituiti da profili metallici in acciaio tipo Corten, una struttura che servirà da supporto per alcuni tiranti passivi che saranno realizzati al fine di contrastare le spinte dell’albero sulle murature. Sul lato sud sarà, invece, realizzata una struttura costituita da tre elementi verticali collegati al primo ordine di profili metallici, per contrastare ulteriormente la forte pressione - informa l'ufficio tecnico - Inoltre, verrà installata una rete metallica in grado di impedire che eventuali porzioni di parapetto in fase di distacco possano cadere e creare pericolo per chi transita ai piedi del bastione. Si prevederà poi ad effettuare iniezioni con malte speciali per ricucire le fessurazioni più importanti. Il costo complessivo dell’operazione è di 40 mila euro». 

«È un intervento necessario e importante – afferma l’assessore ai Lavori Pubblici, Giacomo Sasso –, che ha come obiettivo quello di evitare un ulteriore deterioramento della muratura del Castello dei Paleologi. Dagli studi che abbiamo effettuato, si tratta del miglior intervento possibile al momento, in quanto riesce a tutelare sia la muratura che il prezioso albero secolare lì presente. Da una parte interverremo con una briglia metallica per contrastare la pressione dell’albero sul bastione, dall’altra con iniezioni di malte speciali per ricucire le lesioni murarie. Un’operazione volta a tutelare il nostro immenso patrimonio storico, che assume quindi uno specifico impegno di responsabilità per non dimenticare i luoghi di pregio della nostra città».

I lavori, in corso d’opera, secondo quanto stipulato nel contratto d’appalto, termineranno nelle prime settimane di novembre, salvo imprevisti.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

Animalisti

Caccia in zona rossa? "Il solito favore ingiustificato"

14 Novembre 2020 ore 12:28
Il lutto

Il Covid si porta via
Pier Paolo Caniggia

22 Novembre 2020 ore 13:48
.