Mercoledì 21 Ottobre 2020

La mostra

Il Femminile di Uguale: a Palazzo Robellini gli scatti di Enrico Minasso

«Una celebrazione delle donne e della costante lotta per il raggiungimento della parità di genere»

Il Femminile di Uguale: a Palazzo Robellini gli scatti di Enrico Minasso

ACQUI TERME - Dal 3 al 18 ottobre Palazzo Robellini ospiterà la mostra fotografica 'Il Femminile di Uguale – Nove Racconti' a cura del fotografo Enrico Minasso. 

«Più di una raccolta di scatti, Nove Racconti è una celebrazione delle donne, della loro resilienza e della costante lotta per il raggiungimento della parità di genere – spiegano gli organizzatori Amici del Mondo–World Friends Onlus e Crescereinsieme - Gli scatti di Minasso, corredati dai testi di Maurizio Paganelli, accompagnano i visitatori in un viaggio alla scoperta delle storie di emancipazione di donne italiane, di donne africane emigrate in Piemonte e di donne kenyane. Le sue fotografie in bianco e nero permettono di affrontare stereotipi e pregiudizi culturali e di individuare elementi positivi che favoriscano l’empowerment femminile in entrambe le società, a Sud e a Nord del mondo». 

Oumou, Aminat, Maria, Rose, Florence, Beth, Lucrezia, Laure e le sorelle Rysper e Gladys sono donne che hanno vissuto direttamente situazioni di discriminazione, ma che sono riuscite a reagire con forza, tentando di abbattere gli ostacoli che la vita ha posto loro davanti: famiglie oppressive, disparità nell’accesso ai servizi sanitari, a un’educazione di qualità o ad opportunità lavorative. Un intreccio tra Italia e Africa, un ponte dal Piemonte al Kenya per raccontare con schiettezza e genuinità esperienze personali profonde e toccanti, affrontando consapevolmente gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda (SDGs) ONU 2030. Le protagoniste si raccontano e si emozionano di fronte all’obiettivo della fotocamera, condividendo la propria, mai scontata, versione della parità di genere.

L’evento rientra in un progetto che coinvolge le Ong del Piemonte utilizza la musica quale linguaggio universale in grado di creare un ponte ideale tra le protagoniste. Ogni donna coinvolta  ha cantato una canzone della propria vita: ninne-nanne, gospel, canti tradizionali. La musica ha aiutato ciascuna di loro a celebrare i momenti di gioia e a superare quelli più difficili. L’iniziativa ha visto la collaborazione del Liceo musicale di Alessandria (Saluzzo-Plana) con il maestro Enrico Pesce e della scuola di musica, danza e teatro Banjuka di Nairobi (slum di Baba Dogo). Un altro incrocio tra Italia e Africa. Questa sinergia ha dato luogo al brano “Equality”, un canto corale per la parità di genere e vero e proprio inno de Il Femminile di Uguale.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

La tragedia

“I Vincenti responsabili”. Il Gup: imprudente...

20 Ottobre 2020 ore 18:25
.